Nuovo Allestimento Museo 2014

 

nuovo allestimento

L’amministrazione comunale di Scarperia e San Piero è lieta di annunciare il completamento del
progetto di riallestimento di alcune sale del Museo dei Ferri Taglienti di Scarperia.
Il progetto, nato dalla necessità di rendere gli allestimenti più attuali e maggiormente rispondenti alle necessità di un pubblico sempre più ampio, cosmopolita, vario ed esigente,
maggiori lingue parlate nel mondo –inglese e spagnolo-, creato postazioni multimediali arricchite 
da una notevole quantità di materiali di approfondimento tecnico e storico, non solo testuali ma nche fotografici e video, abbiamo predisposto percorsi tattili per non vedenti, la creazione di iochi interattivi e di una video-guida in: italiano, nelle maggiori quattro lingue straniere e nella IS, lingua dei segni italiana, nonché con sottotitoli. 

 Il percorso è stato completato dall’inserimento di una rete wi-fi locale e di QRCode ad essa collegati con approfondimenti tecnici e storici, per venire incontro alle nuove modalità comunicative, soprattutto dei più giovani. 

Sono stati inseriti, nell’area di accesso del Museo, nuovi allestimenti accattivanti e moderni, ma costruiti nel rispetto dell’ambiente e della salute,con materiali ecosostenibili, riciclabili e non tossici. Arredi appositamente studiati per tutte le tipologie di pubblico ma soprattutto per bambini, anziani e disabili, con l’inserimento di banchi di montaggio e scatole tattili con didascalie anche in braille, per rendere il nostro museo un luogo accessibile a tutti, non solo abbattendo le barriere architettoniche ma anche quelle linguistiche e culturali. Si stanno, ad esempio, predisponendo degli activity-book per disabili cognitivi, perché ognuno possa visitare la nostra raccolta ed essere agevolato nella visita e nella conoscenza del museo a seconda delle proprie capacità.
Chi ha collaborato con noi all’abbattimento delle barriere - la stamperia Braille della Regione Toscana e l’Associazione Comunico, che si è occupata della traduzione della video-guida in LIS, lingua dei segni italiana, e dell’elaborazione di sottotitoli adattati – è stato entusiasta delle nostre scelte e del nostro progetto e ci segnalerà come “Museo accessibile”. 
Abbiamo voluto creare un ambiente per famiglie, dove i bambini trovino spazi adeguati e vivano la storia del loro paese attraverso la conoscenza diretta degli oggetti e delle attività che per secoli hanno permeato la vita della nostra comunità. Perché l’amore per la propria comunità e per ilterritorio va coltivato sin da piccoli. Vogliamo che il nostro museo sia un luogo di accoglienza e di stimolo, di gioco e di apprendimento, di coesione e integrazione, di conoscenza e di trasmissione dei saperi antichi attraverso linguaggi attuali, di identità per chi vive nel nostro comune da generazioni o vi è appena arrivato.
Il progetto include la catalogazione di tutte le nuove acquisizioni del museo, circa 100 pezzi, e la creazione di un database interattivo di information retrieval, in cui sarà riversato l’intero catalogo delle opere del Museo dei Ferri Taglienti e della Bottega del Coltellinaio, a disposizione degli operatori e degli studiosi, per poter reperire velocemente informazioni e fare ricerche più mirate su tutta la collezione.
Il progetto è stato realizzato dalla società cooperativa RES Archeologia, un gruppo di giovani dinamici, competenti, creativi, ottimisti ed entusiasti. E’ stato un piacere per l’amministrazione comunale affidare la comunicazione della storia e del passato della nostra comunità ad un’azienda 
proiettata nel futuro. Questa volta siamo riusciti davvero a dare fiducia e fare spazio ai giovani. 
Ed è stata un’esperienza, anche di vita, più che positiva. 
I professionisti in varie discipline, che hanno creato una realtà dinamica come RES Archeologia ci hanno dimostrato quanto valore abbiano i nostri giovani, che le professionalità che il nostro paese riesce ad esprimere meritano di poter lavorare in Italia per fare più grande il nostro paese.
E’ stato possibile realizzare l’intervento grazie all’aiuto del GAL Start di Borgo San Lorenzo che gestisce il contributo Leader del “Programma di sviluppo rurale della Regione Toscana 2007/2013”.

 

 

Banco tattile 4Banco tattile 3Banco tattile 2MusoDSC02480DSC02479DSC02478DSC02477DSC02475DSC02474DSC02472